Il venerdì dopo

“Tredicesima stazione:Gesù muore in croce”.

Come in ogni venerdì di Quaresima, nelle nostre orecchie rimbomba questa affermazione.

Gesù è morto; il Dio in carne ed ossa che si è svestito della sua divinità per vestirsi della nostra umanità, muore sulla croce accanto a due ladroni, due uomini qualunque, considerati proprio la feccia dell’umanità!

Gesù è morto e il cielo si squarcia, piange.

Sembra proprio che Dio se ne sia andato e la sua morte fa raggelare il sangue nelle vene e la sua assenza continua ancora oggi a riempire i nostri occhi di scene disumane: uomini che continuano ad uccidersi, che vendono la propria anima per un pane che è di pietra; uomini che muoiono per l’egoismo degli altri; uomini che, arroganti, si elevano a giudici supremi perché, in fondo, tra io e Dio c’è solo lo spazio di una piccola “d”.

Viene spontaneo dare la colpa a quel Dio che si è fatto crocifiggere, che ha lasciato che lo umiliassero, che lo deridessero, che lo spogliassero. Ciò che mi stupisce sempre è proprio la sua mancanza di reazione: ha scelto di non scendere dalla croce.

Ancora, in questo venerdì, continuo a domandarmi il perché Gesù abbia scelto il rischio dell’amore, perché ha donato se stesso per gli uomini giusti ma anche per i disonesti, per te e per me che non esiteremmo a mostrare a tutti la nostra personale gloria … e penso a quanto l’amore ti faccia fare cose grandiose, quanto anche la croce, anche il digiuno hanno un gusto diverso se fatto per e con l’amore.

Ma questo venerdì ha un sapore diverso.

Sabato scorso, al Santuario della Madonna di Dipodi, mentre un tramonto dipingeva il cielo di mille sfumature di arancione, ci siamo  detti di non fermarci all’apparenza: la morte è un sospiro che dura per tre giorni; l’amore ha vinto e non può far altro che continuare a vincere, perché io sono testimone di quella luce che ha avvolto Maria quando ha constatato, per prima, che Gesù non era nel sepolcro, Gesù era vivo!

Questo venerdì ha un sapore diverso perché scelgo di essere generatore di vita, perché tutti devono sapere che la luce può vincere le tenebre – l’ha già fatto una volta – e io voglio impegnarmi perché nelle piccole cose continui a risorgere Gesù: la sua luce è troppo bella: non può rimanere in un sepolcro umidiccio e polveroso!

Io so che con Te, Gesù, posso trasformare l’acqua in vino e nella Tua Parola portare vita dove tutti si ostinano a vedere morte. Io so che la croce peserà un po’ di meno perché Tu la sorreggi con me.

Come in un domino, quando le tessere cadono una dopo l’altra, voglio che la Tua Resurrezione si diffonda nel mondo e io scelgo di essere una tassello di questo domino d’amore.

 

 

 

Ritiro in preparazione alla Pasqua – 9 Marzo 2019 – gruppi 12/14

 

 

 

 

 

 


 

 

 




Messaggio di Quaresima 2019

QUARESIMA È il tempo di Dio che si intreccia con il nostro. Quasi un tempo di gestazione che favorisce il parto di una vita nuova. È necessaria una conversione che desidero esprimere in 10 punti, una sorta di decalogo per un nuovo umanesimo : 1) Convertire gli occhi e cogliere, nell’altro, l’irradiazione della luce di Dio. 2) Offrire a tutti un sorriso, intriso di dolcezza e di amabilità. 3) Far giungere al prossimo il messaggio: sei prezioso aI miei occhi. Ti voglio bene. 4) Riconoscere le qualità, i talenti e le pagliuzze di positività presenti in ogni persona e manifestarle. 5) Prendere a cuore il disagio, il problema, le sofferenze di una famiglia e sostenerla, incoraggiarla e aiutarla con tutte le forze. 6) Nessuna parola cattiva esca dalla nostra bocca ma far circolare, da cuore a cuore, solo parole buone che edificano. 7) Visitare qualche malato o persona sola, portando loro il dono della tenerezza e l’abbraccio del cuore. 8) Riscoprire la bellezza di congiungere le mani 🙏🏻, ossia della pace della preghiera ma anche del l’intensità di una stretta di mano che esprime la carezza del cuore. 9) Fare esperienza viva della Misericordia di Dio per essere capaci di chiedere perdono o di perdonare al fratello. 10) Imparare a dire GRAZIE. Al Signore, per tutte le Sue Creature. Ad ogni persona, creata a Sua immagine, grazie di esistere.
L’ Assistente unitario,
Don Maurizio Mete




Messaggio di Quaresima 2018

Con la celebrazione delle Ceneri varchiamo la porta della Quaresima, tempo favorevole per il nostro cammino di fede. La cenere evoca la condizione originaria dell’uomo, impastato di polvere e di argilla ma vivificato dal soffio dello Spirito di Dio. Ancor oggi lo Spirito, come un grande polmone, continua ad ossigenarci e rinvigorirci con il suo respiro vitale ( RUAH ), attraverso la Parola, l’ Eucaristia, l’ unità e la Misericordia. Senza questo respiro divino si restringe e rimpicciolisce lo sguardo, si anestetizza il palpito del cuore, ammalandosi di indifferenza, ci si ossigena, al contrario, con aria di tristezza e di rassegnazione, aria soffocante di tensione e di ostilità, aria inquinata di parole vuote e senza senso. È urgente, pertanto, come ricorda il Salmista, ritornare a respirare il soffio primario dello Spirito Santo, fonte di vita, capace di rinnovare il mondo. “Togli loro il Respiro: muoiono e ritornano nella loro polvere. Mandi il tuo Spirito, sono creati e rinnovi la faccia della terra” ( Salmo 103/104, 29-30) .

L’assistente unitario don Maurizio.